Falconara a luce intermittente, arriva la prima sconfitta in casa

Falconara con le amnesie e il Breganze sbanca il PalaBadiali sulle ali della coppia Pinto Dias – Pereira. Un 4-7 finale con le Citizens che si svegliano troppo tardi nel secondo tempo, quando le venete sono troppo distanti per essere raggiunte. E pensare che per gran parte del primo tempo la situazione era stata di equilibrio. Nonostante un uno-due micidiale delle ospiti, già in doppio vantaggio dopo 5 minuti. Anche sfortunate le falconaresi. Al 3’ Alves va in scivolata su Pinto Dias sull’out di destra ma la palla resta ferma sui piedi dell’avversaria che fredda in diagonale la Ceravolo. Al 5’ Breganze recupera sulla ripartenza delle Citizens, Pinto Dias serve un assist d’oro per Pereira che sigla il raddoppio. Passano appena 20 secondi e il cuore delle falchette ha un sussulto. È Benedetta De Angelis a riaprire il match concludendo al meglio un’imbeccata in area della Luciani. Falconara ci crede. E al 9’ pareggia con Domenichetti in anticipo con un tocco morbido sulla Tardelli in uscita. Le venete tuttavia tornano in vantaggio con la solita Pereira, si rendono pericolose con Buzignani e Pereira e al 18′ allungano con Prando, sola davanti e in anticipo sull’uscita di Ceravolo. L’ultimo acuto della falconaresi nel primo parziale arriva a 5 secondi dal fischio con la Luciani su lancio pennellato della Domenichetti: stop di petto troppo lungo, Tardelli riesce ad arrivarci prima. Nella ripresa le venete dilagano. La firma è sempre della Pinto Dias, fortunata al 6’ a trovare il rimpallo giusto che inganna l’estremo difensore azzurro, e brava pochi minuti dopo a gonfiare la rete direttamente su punizione. Basta? No. Al 13’ Navarro si presenta da sola davanti a Ceravolo sul lancio lungo con le mani della Tardelli: dribbling sul portiere e palla depositata a porta vuota. Sul 2-7 Breganze tira i remi in barca. Il pubblico del Badiali continua a incitare la propria squadra ma a poco servono le reti di Magnanti (che con la partita di oggi diventa la Citizens con il maggior numero di presenze tra A e A Elite) e Alves nel finale. Un inizio di campionato tutto in salita. E ora servono convinzione ma soprattutto punti. Già a partire dal prossimo impegno di domenica prossima a Pescara.

TABELLINO

Città di Falconara 4
Futsal Breganze 7

Città di Falconara: Ceravolo, De Angelis, Luciani, Alves, Domenichetti; Fakaros, Brutti, Centola, Correia, Magnanti, Xhaxho. All. Battistini.

Futsal Breganze: Tardelli, Prando, Pinto Dias, Pereira, Buzignani; De Sanctis, Cerato, Zanetti, Canaglia; Laurenti, Fincato, Navarro. All. Zanetti.

Arbitro: Marco Gallinella (Foligno), Luca Rosciarelli (Orvieto). Crono: Fabio Stelluti (Ancona).

Reti: 3’38’’ pt Pinto Dias (B), 5’ pt Pereira (B), 5’20’’ pt De Angelis (CdF), 9’ pt Domenichetti (CdF), 13’ pt Pereira (B), 18’ pt Prando (B); 7’ st e 8’ st Pinto Dias (B), 13’ st Navarro (B), 18’ st Magnanti (CdF), 19’ Alves (CdF).

Note: ammonite Prando (B), Correia (CdF).

Negli spogliatoi

Marco Bramucci, presidente CdF: Un punto in tre partite, ci aspettavamo forse di più. Detto questo oggi abbiamo giocato contro una signora squadra nettamente cambiata rispetto all’anno scorso. Ha introdotto giocatrici formidabili che hanno castigato ogni nostro errore. La serie A Elite è diventata il campionato del mondo di calcio a 5 femminile, non è più il torneo dello scorso anno. Sconfitta meritata. Il pubblico del PalaBadiali? È stato fantastico: ha continuato a incitare le ragazze e, nonostante la sconfitta, la squadra è uscita tra gli applausi. Il pubblico apprezza chi mette l’anima e noi siamo una squadra abituata alle difficoltà e a non mollare.

Francesco Battistini, allenatore CdF: Sapevamo di incontrare una squadra in salute. Noi abbiamo fatto una brutta partita. Non siamo riusciti a fare ciò che ci eravamo detti e abbiamo reso la vita facile al Breganze. In questi casi, per uscire da questo periodo negativo, la sola strada è lavorare sodo. Non credo sia solo un problema tecnico ma anche di mentalità. Dobbiamo stare più sereni ed essere convinti che rimboccandoci le maniche e dandoci una mano riusciremo a superare questi problemi. Già da martedì alla ripresa degli allenamenti.

Giulia Domenichetti, CdF: In questo inizio di campionato siamo maestre nel metterci la partita in salita. Abbiamo iniziato con un buon piglio e nonostante il doppio svantaggio siamo riuscite a rimettere in piedi la partita. Questo è un bene però poi siamo andante di nuovo sotto. Per lunghi tratti abbiamo anche fatto la partita ma senza essere incisive e con troppo ingenuità dietro. Loro sono state micidiali nelle ripartenze. Manca un po’ di fortuna ma anche noi dobbiamo metterci nella testa che non possiamo permetterci errori perché li paghiamo tutti cari.