Il CDF crolla a Terni. Battistini: “Rigore 1-1 inventato, ma i nostri blackout sono clamorosi”

ternana-cdf-6-2

Il Città di Falconara torna da Terni con la quarta sconfitta consecutiva. Un 6-2 che fa male se si pensa all’ottima partenza delle falconaresi in vantaggio con la Xhaxho. Direttamente su punizione, il miglior modo di rientrare dall’infortunio. Il pareggio delle padrone di casa arriva da un episodio contestatissimo. Un fallo di mani in area segnalato dall’arbitro opposto. Il duo arbitrale impiega oltre un minuto a decidere. Alla fine si opta per il penalty tra le proteste delle azzurre di Falconara. Rigore che la brasiliana Renata realizza. 1-1, palla al centro, passano 14 secondi e subito la Ternana si porta in vantaggio: la firma è della Coppari. Poco dopo la Magnanti ha la palla del 2-2 ma da sola a porta vuota calcia fuori da meno di un metro. Gol mangiato, gol subito. Arriva così il 3-1 di Taina che anticipa Correia e tira da posizione centrale poco fuori area. Nella ripresa Renata si scatena. Altri tre gol per un risultato tondo che non lascia spazio a interpretazioni.

Le Citizens, in crisi di risultati, prive dell’infortunata Alves e della De Angelis, fuori per squalifica, fanno quello che possono. Di Giulia Domenichetti, con un diagonale dalla sinistra, l’unica luce azzurra nel secondo tempo. Nulla da fare. Penultimo posto in classifica. Vero che c’è da recuperare la gara con il Sinnai ma è quanto mai necessario invertire la rotta. A partire dalla gara di domenica prossima al PalaBadiali contro il fanalino di coda Thienese. E, ovviamente, per tutto il girone di ritorno.

“È stata una gara durissima – commenta Francesco Battistini, mister delle Citizens – Nel primo tempo siamo andati bene. Eravamo passati in vantaggio e avremmo potuto anche raddoppiare. Poi, anche se non mi piace attaccarmi a queste cose, c’è stato il rigore clamoroso per la Ternana, un’invenzione dell’arbitro. Sul 2-1 c’è stato un calo di tensione che non ci deve capitare. Abbiamo giocato con una squadra molto forte ma ancora andiamo a intermittenza: cose ottime e grande cuore alternati a blackout clamorosi. Dobbiamo prendere atto che il livello del torneo è altissimo e dobbiamo fare di più: noi allenatori dobbiamo mettere la squadra nelle condizioni di esprimersi al meglio, le giocatrici devono ritrovare autostima e serenità”.

TABELLINI

Reti: 6’30” pt Xhaxho (CdF), 11′ pt rig. Renata (T), 11’14” pt Coppari (T), 18′ pt Taina (T); 3’17” st e 6′ st Renata (T), 15’st Domenichetti (CdF), 17’18” st Renata (T).

Ammonizioni: Maite (T), Magnanti (CdF), Correia (CdF).

Arbitri: Kamale Lamhie (Livorno), Giovanni Gasparri (Pisa) CRONO: Marco Gallinella (Foligno)