Falconara, pareggio casalingo con l’Arcadia tra le proteste

Il Città di Falconara esce con l’amaro in bocca dal PalaBadiali dopo una partita dominata, compromessa e infine riacciuffata durante la quale non sono mancate recriminazioni per l’arbitraggio mediocre.

Episodio incriminato, il rigore concesso al Bisceglie per il 3-2. Penalty fantasioso. Con la palla spazzata da Corin Pascual che rimbalza sul fischietto anconetano e torna in campo. Le Citizens pensano che sia fuori, per l’arbitro la palla è ancora in gioco. De Angelis, convinta di dover battere un calcio da fondo, la tocca con le mani in area e il rigore è servito. Proteste del Falconara ma nulla da fare. Porcelli da dischetto accorcia ed è linfa vitale per le compagne che poi pareggiano e passano anche in vantaggio. Alla fine le falconaresi riacciuffano il pari ma l’amaro in bocca è tanto. E pensare che il primo tempo aveva fatto sperare in tre punti facili. Con le falconaresi pericolose già al 4’ con De Angelis, rifornita al bacio da Xhaxho e Tempesta a superarsi. E con il gol del vantaggio già al 5’30” al termine di un’azione in ripartenza con Xhaxho a servire Pascual e appoggio morbido della spagnola sotto le gambe del portiere.

Citizens davvero in palla. Capitan Luciani lotta e si danna l’anima alla ricerca del raddoppio. Senza fortuna. Come all’8’ con una gran sciabolata dalla distanza di poco a lato e due minuti più tardi, addirittura di tacco al volo su assist di Correia. C’è pure il Bisceglie in campo che, alla prima sbavatura falconarese, ne approfitta con Soldano, abile a rubare il tempo a Pascual e battere in diagonale Ceravolo. Al 18’, tuttavia, De Angelis riceve da Correia la chiusura di un triangolo perfetto tra le maglie della difesa pugliese e riporta in vantaggio le marchigiane. L’ultimo sussulto del primo parziale arriva a 30 secondi dal termine e ci pensa Ceravolo, togliendo la palla dai piedi di Soldano appostata sul secondo palo, a mandare le padrone di casa al riposo in vantaggio.

In avvio di ripresa Xhaxho fa vedere di cosa è capace il suo sinistro in diagonale e illude per il 3-1. Un minuto dopo arriva il clamoroso e contestatissimo rigore per le pugliesi che Porcelli sigla spiazzando Ceravolo. Al 10’ c’è il pareggio delle pugliesi con la solita Soldano che approfitta di un rimpallo difensivo e al 14’ arriva la doccia gelata che più gelata non si può: Scommegna si infila nel il pasticcio tra De Angelis e Ceravolo e porta in vantaggio le ospiti. Battistini a quel punto tenta la carta dl portiere di movimento. Dentro Xhaxho e la maggior pressione paga subito: al 17’ Luciani  riesce a sbloccarsi e a raddrizzare la partita. Battistini continua con il portiere di movimento. Vuole i tre punti ma Tempesta chiude la saracinesca sulle conclusioni di Correia e De Angelis. Non c’è più tempo per giocare. 4-4 e tutte sotto la doccia.
TABELLINO

Città di Falconara 4
Arcadia Bisceglie 4

Falconara: Ceravolo, Pascual, De Angelis, Luciani, Xhaxho; Fakaros, Correia, Brutti, Centola, Costantini. All. Battistini.

Bisceglie: Tempesta, Monaco, Soldano, Campana, Porcelli; Valente, Altamura, Scommegna, Gariuolo, Mastrototaro, Martino. All. Ventura.

Arbitri:  Angelo Galante (Ancona), Pierluigi Tomassetti (Ascoli Piceno) CRONO: Paolo Gobbi (Macerata)

Reti: 5’30” pt Pascual (F), 14’ pt Soldano (B), 18’ pt De Angelis (F); 2’st Xhaxho (F), 3’st rig Porcelli (B), 10’ st Soldano (B), 14’st Scommegna (B), 17’st Luciani (F).