Falconara non è un sogno: la Coppa Italia è tua

Tutto vero. Capitan Luciani alza al cielo la Coppa Italia che prende la strada di Falconara al termine di 40 minuti ad alta intensità. E poi: Taty MVP, Dibiase miglior portiere del match. Il risultato finale di 5-1 sulla Lazio di mister Chilelli è largo rispetto a quanto visto sul campo perché la Lazio dura per tutta la metà del primo tempo e fa paura. Ma il gioco, soprattutto nei primi minuti, non è entusiasmante. Le squadre preferiscono lanciare in avanti con i portieri anziché costruire. Il che, grazie anche una difesa che difficilmente si fa sorprendere, mette alla lunga il Falconara nelle condizioni di fare male. Dopo meno di un minuto subito Vanessa testa i riflessi di Dibiase mentre al 4’ Marta scheggia la parte alta della traversa ben lanciata da Taty. Al 5’ Greico in diagonale mette apprensione a Dibiase che devia in corner. Sul fronte opposto Mascia neutralizza Nona ben lanciata sulla sinistra da Taty. Al 12’ passa il Città di Falconara: Pereira conquista palla sul lancio lungo laziale e accelera, palla a Nona che arriva sul fondo e mette in mezzo, tagliando fuori Mascia, per Taty che non si fa pregare. La Lazio accusa il colpo e nel giro di 9 secondi capitola altre due volte. Ancora Pereira da dietro per la corsa di Taty, pallone delizioso per Marta che deve solo spingere. È la stessa brasiliana che poi si esibisce subito in un colpo da mille e un replay: Mascia lascia la porta per tentare il lancio in avanti, Taty intuisce, va d’anticipo e tira subito. Destinazione l’incrocio più lontano. Da spellarsi le mani. Nella ripresa le Citizens tengono e allungano. Il parziale si apre con il tentativo di Luciani (para Mascia) e Isa Pereira (alto). Vanessa scalda le mani a Dibiase che sulla ribattuta chiude lo specchio a Grieco. Mascia fa altrettanto sul missile ravvicinato di Dal’maz. Con la Lazio in avanti, il quarto sigillo avviva in contropiede e lo firma Guti su suggerimento di Marta. Al 10’ la Lazio prova il quinto di movimento. Manca una vita ma le Citizens tengono botta. Dibiase quando serve ci mette la manona e non manca di fortuna quando vince il rimpallo, in collaborazione con Taty, sull’incursione di Grieco. A meno 5’ minuti la Lazio rimane in 4 per l’espulsione di Beita e ne approfitta Nona che sigla il quinto gol. Il suo forte diagonale di destro non è tanto importante a fini del risultato ma è una colossale dose di fiducia per il morale della Wizard numero 13: il suo primo gol stagionale dopo il grave infortunio della scorsa stagione è abbracciato da tutta le compagne. Di Siclari al 18’ il gol della bandiera. Alla sirena scatta la festa di un popolo azzurro. È festa grande. Mister Neri è portato in trionfo. La coccarda della Coppa Italia è il primo trofeo nazionale del Città di Falconara. E il sogno continua alla caccia dell’altro tricolore, quello più ambito, a forma di scudetto. Si giocherà il 9 maggio l’andata dei quarti playoff con il Cagliari. Il ritorno il 13 in Sardegna. In attesa di riabbracciare il pubblico al PalaBadiali, quando si potrà. Ma intanto godiamoci la festa.

TABELLINO

Lazio 1
Falconara 5

LAZIO: Mascia, Barca, Beita, Taninha, Vanessa, Siclari, Fernandes Balardin, Buzignani, Pinheiro, D’Angelo, Grieco, Tirelli. All. Chilelli

CITTÀ DI FALCONARA: Dibiase, Taty, Luciani, Pereira, Dal’Maz, Guti, Marta, Nona, Blenkus, Giuliani, Ferrara, Marcelli. All. Neri

Reti: 12’13” p.t. Taty (F), 14’15” Marta (F), 14’24” Taty (F); 8’14” s.t. Guti (F), 15’23” Nona (F), 17’46” Siclari (L)

Note: ammonite Beita (L), Grieco (L); espulsa al 14’33” del s.t. Beita (L) per somma di ammonizioni

ARBITRI: Elena Lunardi (Padova), Alessandra Carradori (Roma 1), Gianluca Gentile (Roma 1) CRONO: Stefano Parrella (Cesena)