​​Il Città di Falconara non si ferma più, goleada al Padova e testa a domenica: arriva la Lazio

Ancora una vittoria, ancora una goleada per il Città di Falconara che passa a Cadoneghe contro il Padova delle ex Marcelli e Rubal. Alla fine il tabellino dei marcatori è affollato: Marta, Dal’maz e capitano Luciani arrotondano i propri ruolini, le portoghesi Pereira, Janice e Fifò sono già pronte per la chiamata Nazionale, Praticò festeggia la sua prima rete in Serie A mentre Ferrara bagna al meglio il suo rientro dopo l’infortunio. Pronti, via ed è proprio Isa Pereira, dopo nemmeno un minuto, a fare le prove generali di testa su lancio lungo di Dibiase, sfiorando lo specchio. Al 2’15 Janice e Marta partono in contropiede ma la conclusione della spagnola viene ribattuta e danza in area finché non la risolve Sabatino di ramazza. Passano pochi secondi e la fiondata di destro di Isa Pereira in diagonale non lascia scampo a Marcelli: 0-1. Il Padova non demorde e al 3’ Sabatino non aggancia di un soffio davanti a Dibiase il servizio di Fernandez. Marcelli si oppone da campionessa su Luciani ma al 5’ nulla può sul diagonale di Janice Silva. Ancora Falconara in avanti, Dal’maz centra di potenza la traversa. Sul fronte opposto Padova pericoloso all’11’ con Carrarini, Dibiase sceglie bene i tempi di uscita e disinnesca il pericolo. Minuto 14: Janice recupera una palla d’oro, lancia il contropiede e serve Marta. Diaz le nega il gol ma l’esultanza è solo rinviata perché nei 9 secondi successivi la spagnola la mette dentro ben due volte: sul successivo corner e, appena ripartiti, con un fendente dalla sinistra. Tutto in discesa. Capitan Luciani è un falco nell’inserimento sull’incomprensione difensiva veneta per il gol del 5-0. Praticò arrotonda ulteriormente poco dopo irrompendo sul secondo palo sul servizio di Marta ed eleggendo il 10 febbraio a ricorrenza da calendario per il primo centro nella massima serie. Potrebbe anche raddoppiare il bottino personale un secondo prima della sirena sul preciso assist di Luciani ma Marcelli si supera anche stavolta. La ripresa si apre con Caciorgna che al 1’ accorcia le distanze sfruttando al meglio il servizio di Diaz. Tra i pali l’incolpevole Polloni subentrata a Dibiase.Le Citizens allungano: Fifò sugli sviluppi di laterale mette dentro il settimo sigillo, al 3’39” ancora Marta mette alla spalla di Marcelli sul preciso corner di Taty. Il secondo tempo è più confusionario e noioso del primo nonostante le reti non si arrestino. Carrarini suona il secondo squillo delle padrone si casa direttamente su punizione. Poco dopo Polloni nega a Bernardelle una nuova marcatura padovana. Al 12’ Marcelli fa un mezzo miracolo su Janice che poi la mette dentro ma nella sua porta: è il 15’, la portoghese non si intende con Polloni in uscita e così l’appoggio di testa si tramuta in infilata. Finale tutto Citizens: Ferrara ritorna dopo il lungo infortunio con la rete del 3-9 direttamente su punizione. Dal’maz, stessa altezza dalla parte opposta, la imita di destro e si ripete a 20” dalla sirena sul preciso assist di Fifò. In classifica il Città di Falconara sale a 32 e stacca di 3 punti il Pescara che però ha una partita in più. Siamo a metà del tour de force per recuperare le gare rinviate causa Covid. Domenica una nuova sfida attende le ragazze di Neri: al PalaBadiali di scena c’è la Lazio. Tre giorni dopo, mercoledì 16, sempre al PalaBadiali, arriverà il Bitonto. Ritmi serrati, testa bassa e pedalare.

TABELLINO

PADOVA-CITTÀ DI FALCONARA 3-11 (0-6 p.t.)
PADOVA: Marcelli, Rubal, Caciorgna, Fernandez, Sabatino, Diaz, Carrarini, Bernardelle, Carturan, Garcia. All. Campana

CITTÀ DI FALCONARA: Dibiase, Marta, Janice Silva, Luciani, Pereira, Peroni, Taty, Praticò, Fifò, Ferrara, Dal’Maz, Polloni. All. Neri

MARCATRICI: 2’10” p.t. Pereira (F), 4’30” Janice Silva (F), 14’01” Marta (F), 14’10” Marta (F), 17’47” Luciani (F), 18’04” Praticò (F), 0’58” s.t. Caciorgna (P), 2’29” Fifò (F), 3’39” Marta (F), 6’28” Carrarini (P), 14’35” aut. Janice Silva (P), 18’03” Ferrara (F), 18’23” Dal’Maz (F), 19’36” Dal’Maz (F)

AMMONITE: Bernardelle (P), Rubal (P)

ARBITRI: Fabiano Maragno (Bologna), Davide Plutino (Reggio Emilia) CRONO: Olga De Giorgi (Modena)