Nanà torna a segnare, Falconara torna alla vittoria: Napoli battuto nel match stregato del PalaBadiali

CDF vs Napoli

Si torna alla vittoria dalle parti di Falconara ma che fatica, ieri al PalaBadiali, contro il Napoli. Non tanto per la pericolosità dell’avversario, fanalino di coda del campionato a un punto, quanto per un match che sembra stregato. Un numero impressionante di azioni da gol ma tra errori sotto porta, un fortino difensivo partenopeo che regge e le parate di una monumentale Silvana Macchia, si va negli spogliatoi solo sull’1-0 per le Citizens. Autrice del gol, proprio in apertura di gara, neanche a dirlo, capitan Luciani con un perfetto diagonale sull’assist delizioso di Ferrara. Falconara potrebbe raddoppiare in più di un’occasione. Le più clamorose arrivano dai piedi di Nanà, Ferrara di testa e De Angelis che non trova la porta dopo aver dribblato il portiere. Si va a riposo masticando amaro per un risultato che poteva essere ben più rotondo. Nella ripresa la gara non cambia. Dalla Villa prima impegna di testa Macchia e poi è sfortunata, al 5′, nella conclusione respinta dal palo e salvata sulla linea da Pugliese. Un minuto dopo proteste Citizens per Dalla Villa stesa in area: gli arbitri non vedono e fanno proseguire. Come non vedono la tirata di maglia che consente a Pugliese di arrivare a tu per tu con Nagy e, vincendo un contrasto, di siglare la rete dell’incredibile 1-1. Gol che fa sbandare le marchigiane che però riescono a riportarsi avanti con Nanà che indovina l’angolino basso dove Macchia non può arrivare. Servirebbe un altro gol per stare tranquille. E invece no, occorre soffrire fino all’ultimo. Quando al 13′ Nanà cade in area invocando il rigore e rimediando il cartellino giallo per simulazione, il popolo del PalaBadiali non è tenero nei confronti di un arbitraggio ritenuto davvero mediocre. Al 17′ Luciani colpisce l’ennesimo palo. Il mister delle napoletane Battistone prova a pareggiare la partita e inserisce il portiere di movimento. Luciani recupera per un paio di volte dalla sua difesa, ne approfitta Dalla Villa che sigla la doppietta che manda tutti negli spogliatoi. “Sembrava una partita stregata – spiega Jessica Ciferni – c’è stato un momento del secondo tempo in cui abbiamo rischiato ma abbiamo continuato a pressare e attaccare finché non siamo passate. Sappiamo che ogni partita è una battaglia di affrontare”. Felice Nanà per il ritorno al gol dopo l’infortunio. “Quando ho visto la palla entrare ho sentito una felicità immensa – racconta la brasiliana – La squadra mi ha aiutato tanto. Sto tornando: adesso gioco senza sentire dolore e così posso aiutare di più le mie compagne”. Non c’è tempo di festeggiare. Domenica prossima, sempre al PalaBadiali, arriva il Real Grisignano per la prima gara del girone di ritorno.

TABELLINO

Città di Falconara 4
Woman Napoli 1

Città di Falconara: Nagy, Ciferni, Luciani, Ferrara, Dalla Villa; Nanà, Sevilla, De Angelis, Verzulli, Bernotti, Antonaci. All. Neri.

Woman Napoli: Macchia, De Oliveira, Giannoccoli, Ciccarelli, Pugliese; Ribeirete, Cipolletta, Romano, Sommese. Battistone.

Reti: 2’40” p.t. Luciani (F); 6’50” s.t. Pugliese (N), 11′ Nanà (F), 17’40” e 18′ Dalla Villa (F).

Note: ammonite Nanà (F), Sommese (N), Ribeirete (N).

Arbitri: Gerardi (Pescara) e Rutolo (Chieti). Crono: Ricci (San Benedetto del Tronto).

Falconara, attacco opaco: il cinico Real Statte non perdona

Real Statte vs CDF

Un Falconara non al meglio rimedia in Puglia la decima sconfitta stagionale contro il Real Statte, seconda forza del campionato. Gara contratta per quasi tutto il primo tempo, avara di occasioni. Le padrone di casa, tuttavia, quelle poche che capitano, le sanno sfruttare al meglio. Mansueto, la più in forma delle sue, scalda le mani un paio di volte a Nagy rimediando corner. Tra le falconaresi, occasione per capitan Luciani: pallonetto stile secondo gol di sette giorni fa contro il Kick Off, Margarito scavalcata ma porta non inquadrata di un soffio. Si rivede, dopo l’infortunio, anche De Angelis protagonista in percussione sulla destra, fermata dal portiere avversario in uscita. L’equilibrio si spezza con Pereira che, in scivolata, irrompe in anticipo sul disimpegno difensivo delle Citizens al limite dell’area e batte Nagy. Nei successivi 5 minuti prima dell’intervallo, da registrare, l’affondo di Ferrara con palla al centro che Luciani, ben piazzata in area, non riesce a deviare. La ripresa si apre con un’azione fotocopia dell’incontenibile Ferrara: la palla in mezzo stavolta viaggia verso Dalla Villa appostata sul secondo palo ma Margarito è provvidenziale a frapporsi con un mano. Citizens sbilanciate in avanti alla ricerca del pareggio, le tarantine ne approfittano per far male in contropiede: Mansueto colpisce il palo in solitaria davanti a Nagy e, nell’azione successiva, 2 contro 1, regala una palla facile facile per Pereira. Doppietta per la portoghese e 2-0. Entra Ciferni quinto di movimento ma non è davvero giornata per le marchigiane. Luciani non approfitta di un regalo della difesa avversaria che la mette a tu per tu contro Margarito e, dall’altra parte, arriva il 3-0 a porta vuota a firma Belam. A 10 secondi dal termine arriva la rete, tardiva, di Dalla Villa. “Anche in questa occasione abbiamo disputato una buona partita limitando al massimo le grandi capacità offensive dello Statte – commenta a fine gara mister Neri – Purtroppo un gol scaturito da un pallone schizzato via da un contrasto, ha rotto il grande equilibrio che c’è stato per tutto il primo tempo. Sicuramente ci è mancato un po’ di coraggio in fase conclusiva, perché di occasioni ne abbiamo create. Nel secondo tempo ancora equilibrio fino a 10 minuti dal termine, quando un banale errore in ripartenza ci ha fatto andare sotto di due, compromettendo di fatto la partita. Come nel turno precedente c’è stato il massimo impegno ma, se questo non è bastato per ottenere punti, vuol dire che dobbiamo fare ancora di più”.

TABELLINO

Real Statte 3
Città di Falconara 1

Real Statte: Margarito, Giuliano, Belam, Pereira, Mansueto, Russo, Ion, Violi, Girardi, Gallo. All. Marzella.

Città di Falconara: Nagy, Luciani, Ciferni, Dalla Villa, Ferrara, Nanà, Sevilla, De Angelis, Verzulli, Bernotti, Antonaci. All. Neri.

Reti: 14’58” p.t. e 10’30” s.t. Pereira (S), 19’30” Belam (S), 19’50” Dalla Villa (F).

Note: ammonite: Mansueto (S), Ferrara (F), Violi (S).

Arbitri: De Luca (Paola) e Di Benedetto (Lamezia Terme). Crono: Tafuro (Brindisi).

Contro la capolista non basta il Capitano: Falconara, sconfitta a testa alta contro il Kick Off

CDF vs Kick Off

Acciaccato, rimaneggiato per l’alta affluenza in infermeria ma il Città di Falconara, pur sconfitto dalla capolista Kick Off, dimostra di avere carattere da vendere. E una Sofia Luciani che è anima e piedi fatati di questa squadra, pronta a dire la sua contro tutto e contro tutti. La numero 10 delle Citizens firma una doppietta con due autentiche perle, due spot per promuovere l’intero movimento nazionale del calcio a 5 femminile. Senza Pascual e De Angelis infortunate, Nanà e Sevilla non ancora al meglio, il Capitano sveglia il PalaBadiali già dopo 6 secondi di gioco con un autentico eurogol. Si batte, palla dietro a Ciferni che lancia in avanti e Luciani, defilata sulla destra, batte al volo a incrociare. Avete presente il gol di Van Basten contro la Russia nella finale dell’Europeo ’88? Quello. Scatenata Sofi. Prende pure una traversa dalla distanza. Poi lancia Dalla Villa che trova sul suo diagonale una smanacciata di Dibiase e la base del palo a negare il raddoppio. Fa anche rimediare un giallo a Vieira che la ferma mentre è lanciata a rete. La squadra milanese perviene al pari in maniera rocambolesca con Vanin che decide in mischia. Luciani? La sua risposta è di potenza ed eleganza: ruba palla dalla difesa, si fa tutto il campo in contropiede e batte Dibiase in uscita con un pallonetto morbido. Il PalaBadiali impazzisce. Il lungo applauso sottolinea il gol numero 67 del Capitano che raggiunge Martina Mencaccini sul tetto delle bomber Citizens di sempre per quel che riguarda la Serie A.  Nagy, dall’altra parte, fa buona guardia. Si fa sorprendere, tuttavia, dalla conclusione (deviata) di Nona sul primo palo, sugli sviluppi di un corner. Nella ripresa la stanchezza, dovuta ai pochi cambi disponibili, si fa sentire ed è il Kick Off a fare la partita. Nagy para bene su Guti in percussione dalla sinistra. Ferrara impegna Dibiase che si ripete pochi minuti dopo su Luciani. Ancora Kick Off e Nagy controlla la conclusione di Vieira ma la tanta pressione trova sbocco attorno alla 9’. Il 2-3 è frutto di un’intesa perfetta tra Vanin e Vieira: la prima appoggia e poi trasforma lo scarico corto dell’altra. Il Falconara prova a pareggiare con Ciferni ma la sua conclusione da fuori viene deviata in corner da Dibiase. Sotto di un gol, Neri prova a riportarsi in parità con il portiere di movimento ma le milanesi ne approfittano e in ripartenza, a mezzo minuto dal termine, siglano con Vieira il 2-4 finale.

TABELLINO

Città di Falconara 2
Kick Off 4

Falconara: Nagy, Luciani, Ciferni, Dalla Villa, Ferrara, Bernotti, Antonaci, Nanà, Correia, Verzulli, Sevilla. All. Neri.

Kick Off: Dibiase, Atz, Vieira, Nona, Vanin, Guti, Belli, Pesenti, Perruzza, Plevano, Sangiovanni, Brugnoni. All. Russo

Reti: 00’06” p.t. Luciani (F), 11’11” Vanin (K), 09’22” Luciani (F), 16’51 Nona (K); 08’31” s.t. Vanin (K), 19’24” Vieira (K)

Note: ammonita Vieira (K).

Arbitri Milardi (Pescara) e Ariasi (Pescara). Crono: Filannino (Jesi).