Falconara sprecone, il Bisceglie espugna il PalaBadiali

Cdf vs Bisceglie

Brutta battuta d’arresto per le Citizens di mister Neri che al PalaBadiali soccombono al cospetto di un Bisceglie cinico che riesce a capitalizzare al meglio le occasioni e, di misura, conquista i tre punti in palio. Alle azzurre marchigiane non riesce, nonostante la mole di gioco e di tiri, di continuare la striscia positiva. E pensare che le Citizens erano anche riuscite a passare in vantaggio con una rasoiata di destro di Sevilla che si insacca alle spalle di Oselame, fin lì risolutiva in uscita sulle incursioni di Luciani e De Angelis. Falconaresi in palla e vicine al raddoppio con una splendida sortita di Dalla Villa sulla quale Pascual non arriva per millimetri. Gol mangiato, gol subito. Il pareggio delle pugliesi arriva grazie a Pezzolla che vince un paio di rimpalliprima di trovarsi al cospetto di Antonaci e batterla. A un minuto dal riposo Bisceglie in vantaggio con Sergi, pronta a raccogliere la respinta di Antonaci su tiro di Buzignani. Nella ripresa le ragazze di Neri si buttano in avanti. Occasioni per Pascual e Ferrara ma il Bisceglie sfrutta al meglio le sue carte: Gariuolo, sugli sviluppi di un corner, fa l’1-3. Strada tutta in salita per le Citizens. Tutti gli attacchi sono chiusi dalla avversarie. Luciani accorcia le distanze con un gran diagonale di sinistro che si stampa sul palo prima di entrare ma nei 6 minuti finali l’assalto non porta i frutti sperati. Al triplice fischio, l’amaro in bocca è davvero tanto per un’occasione che andava sfruttata meglio. A commentare la gara è Jessica Ciferni. “Il risultato è molto bugiardo – dice – forse la nostra unica pecca è stata non concretizzare le occasioni che abbiamo avuto sotto porta. Il primo tempo abbiamo giocato molto bene ma ci è mancato l’ultimo passaggio. Nella ripresa il fatto di entrare in campo con un risultato di svantaggio ci ha un po’ condizionate. Voltiamo pagina e andiamo avanti da subito a lavorare per la gara contro il Cagliari. Andiamo in Sardegna con la convinzione di poter fare risultato”.

TABELLINO
Continua la lettura di “Falconara sprecone, il Bisceglie espugna il PalaBadiali”

Cinque gol in Calabria e seconda vittoria consecutiva per le Citizens

Sei punti in quattro giorni per il Città di Falconara in netta ripresa, oltre che di risultati, anche di gioco. Dopo il derby vinto giovedì scorso contro il Flaminia Fano, le ragazze di mister Neri hanno avuto la meglio sul Royal Lamezia al termine dei 40’ di ieri in trasferta calabra. Vittoria che matura nel primo tempo dopo il momentaneo pareggio delle locali e che si arrotonda nella ripresa fino al 5-1 finale. Dopo una prima fase di studio è De Angelis a sbloccare il risultato ma le calabresi non si danno per vinte e nemmeno 40 secondi dopo arrivano al pareggio con Saraniti, decisiva in mischia. Le marchigiane continuano ad attaccare e a quattro minuti dall’intervallo tornano a condurre: Dalla Villa ha una doppia opportunità ma Cacciola respinge entrambe le conclusioni, brava Sevilla a irrompere e piazzare. Ancora Falconara: Pascual supera un paio di avversarie più il portiere e mette in mezzo per Dalla Villa, tiro da posizione defilata ma c’è Fragola sulla linea pronta a salvare. Esultanza solo rinviata. Arrotonda il risultato del primo tempo capitan Luciani con gran gol dai 15 metri: controllo, palla aggiustata sul sinistro e missile angolato sul secondo palo. Nella ripresa mister Ragona tenta subito la carta del quinto di movimento per recuperare il match. Il che espone irrimediabilmente la sua retroguardia. Ed è proprio da un recupero difensivo che Dalla Villa, dal limite della propria area, ha la mira giusta per centrare la porta sguarnita. Chiude il conto Ferrara che si fa trovare pronta sul secondo palo dopo l’azione in contropiede sull’asse Luciani-Pascual. “La partita nel primo tempo è stata complicata perché la squadra avversaria era molto aggressiva – commenta mister Neri al termine – Abbiamo avuto l’opportunità di andare in vantaggio, ma uno sfortunato rimpallo ci è costato il pareggio. In quel momento il Lamezia ha messo in campo tutto ciò che aveva, ma noi siamo state davvero brave a prendere in mano il filo del gioco e ad andare al riposo col risultato in nostro favore. Nel secondo tempo la reazione avversaria è stata contenuta molto bene. Una bella iniezione di fiducia per continuare il nostro percorso nel migliore dei modi”.

TABELLINO

Royal Lamezia 1
Città di Falconara 5

Lamezia: Cacciola, Rovito, Fragola, Saraniti, Furno, Giuffrida, Nasso, Mauro, Gatto, Piazza, De Sarro. All. Ragona.

Falconara: Antonaci, Pascual, Luciani, Ciferni, De Angelis, Bernotti, Dalla Villa, Ferrara, Verzulli, Rocio. All. Neri.

Reti: 07’06” p.t. De Angelis (F), 07’43” Saraniti (L), 15’56” Rocio (F), 19’30” Luciani (F), 12’27” s.t. Dalla Villa (F), 18’26” Ferrara (F)

Arbitri: Aumenta (Sala Consilina) e Giglio Granata (Sala Consilina). Crono: Mancuso (Vibo Valentia).

Festa e poker per il nuovo PalaBadiali, Falconara fa suo il derby contro il Flaminia Fano

CDF vs Flaminia 4-0

Falconara cala il poker e fa suo il derby delle Marche contro il Flaminia Fano al termine di una gara dominata in lungo e in largo in un PalaBadiali rinnovato con il nuovo fondo in parquet. Festa cittadina con sindaco, assessori, autorità cittadine e taglio del nastro pomeridiano. Poi, alle 19, posticipo serale della quinta giornata di campionato con la tribuna piena per sostenere le squadre. Pronti, via e le Citizens iniziano a macinare gioco e azioni anche se il gol, complice anche la reattività di Faccani tra i pali fanesi, tarda ad arrivare. Ci provano con potenti diagonali dalla destra prima Luciani, poi De Angelis. Qualche minuto ed è Pascual al volo, servita da De Angelis, a impegnare Faccani. Ancora Luciani e stavolta è il legno a mantenere lo 0-0. Il Flaminia fa quel che può. Bene in difesa dove spicca capitan Berti, ma tanta fatica sulle ripartenze. Il che agevola le falconaresi che però, senza Nanà acciaccata, finalizzano poco. Fino al capolavoro di Sofia Luciani che rompe l’equilibrio. Il capitano recupera palla e parte, triangola con Dalla Villa al limite dell’area e si presente a tu per tu da Faccani, freddata con un potente destro. Per la numero 10 è il 63esimo gol in 102 partite con la maglia del Città di Falconara. Giocatrice simbolo. Monumentale. Decisiva. Come quando qualche minuto dopo è in difesa a risolvere di testa, anticipandola, la pericolosa Fontela sola in area. Nella ripresa il Fano prova ad alzare il baricentro ma a quel punto il Falconara ne approfitta per dilagare. Sale in cattedra De Angelis: percussione centrale e palla d’oro sul secondo palo per l’accorrente Pascual. Il Flaminia cerca di creare qualcosa per accorciare le distanze: Antonaci, inoperosa fino a quel momento, è chiamata in causa da Berti. Il 3-0 arriva su tiro libero assegnato dall’arbitro con il sesto fallo delle ospiti (Giovanelli, giallo per lei, su Luciani lanciata da centrocampo). Il sinistro di Ciferni è letale. Fano ancora avanti ma non  è davvero giornata. Dalla pericolosissima conclusione di Berti, decisiva Antonaci, parte il contropiede che sull’asse Luciani-De Angelis porta Sevilla al tiro del 4-0. Fine dei giochi, festa Falconara sugli spalti e testa a domenica per la trasferta calabrese a Lamezia. “Abbiamo avuto qualche difficoltà in fase conclusiva – commenta mister Massimiliano Neri – siamo state mature nel creare gioco senza fermarci mai. Il gol del primo tempo ci ha dato fiducia e nel secondo tempo abbiamo trovato più spazi. Avremo da qui in avanti partite complicate ma stiamo lavorando bene e dobbiamo continuare così”. Capitan Luciani carica le sue in vista di Lamezia. “Siamo contente per la vittoria – dice – davanti a tutto questo pubblico. Giocare qua è la nostra forza. Dobbiamo però subito frenare l’entusiasmo perché ci attende un’altra importantissima partita. Ci sono vari aspetti da migliorare e per primo la concentrazione: è il primo passo per diventare grandi”.

TABELLINO

FALCONARA-FLAMINIA 4-0 (p.t. 1-0) 

FALCONARA: Antonaci, Pascual, Luciani, Ciferni, De Angelis, Bernotti, Nanà, Correia, Dalla Villa, Ferrara, Verzulli, Rocio. All. Neri

FLAMINIA: Faccani, Mencaccini, Bonito, Berti, Giovanelli, Eusepi, Sabetti, Borgorelli, Lucchesi, Buresti, Grecia, Falcioni. All. Imbriani.

MARCATRICI: 12’50” p.t. Luciani (Fa), 3’19” s.t. Pascual (Fa), 13’11” Ciferni (Fa), 14’58” Rocio (Fa)

AMMONITE: Giovanelli (Fl)

ARBITRI: Alberto Casadei (Cesena), Alessandro Ghetti (Bologna) CRONO: Nicola Carbonari (Pesaro)