Falconara, basta un tempo per piegare il Pelletterie: ora testa al Kick Off

Tutto facile a Scandicci per il Città di Falconara che risorge dopo la caduta in casa contro la Lazio e guarda già all’impegno di venerdì 1 novembre quando al PalaBadiali arriverà il Kick Off. Partita che si preannuncia vero e proprio evento cittadino trasmesso, per di più, in diretta da Sport Italia. Le Citizens vogliono arrivarci piene di energia e consapevolezza dei propri mezzi. E la partita di ieri è servita per fare il pieno di entusiasmo. Gara chiusa già nel primo tempo con le ragazze di Neri negli spogliatoi in vantaggio per 5-1. Nella ripresa, escluso il cartellino timbrato da capitan Luciani, piccolo trotto e gestione di palla. Eppure le battute iniziali del match avevano lasciato presagire una gara diversa, con una squadra di casa agguerrita. Immediatamente reattive dopo il primo acuto di Dal’maz (palla riconquistata a centrocampo, triangolo stretto con Luciani e 1-0 dopo appena un minuto), le toscane hanno pareggiato con Teggi imbeccata dal passaggio di Duco dalla destra e mantenuto in bilico il risultato per buona parte del primo tempo. Occasioni da una parte, con Pascual e Dal’maz, e dall’altra con Duco, fino all’8’ quando Dal’maz, ricevuto il preciso passaggio di Guti, ha lasciato sul posto un difensore e battuto Pucci in uscita. Di Kalè la risposta delle toscane, Dibiase risponde presente sull’insidiosa puntata. A mettere tutta in discesa la gara ci ha pensato Nona con un’altra delle sue magie: passaggio Perez-D’Amato intercettato e via volare in porta a segnare dopo aver saltato anche Pucci in uscita. Al successivo 4-1 ci ha pensato Pereira direttamente su punizione. Di Pascual invece il quinto gol marchigiano sul quale c’è qualche protesta toscana: la marcatura nasce da un fallo laterale che le padrone di casa chiedevano venisse restituito, ma la dinamica dell’azione precedente non era di facilissima interpretazione.  Il primo tempo si chiude con un tiro libero di Pereira, assegnato per cumulo di falli, che Pucci devia in corner. L’appuntamento con il 6-1 solo rimandato all’avvio di ripresa quando Luciani ha sfruttato un’incomprensione tra difensore e portiere dopo una bella azione in triangolazione con Pascual. A quel punto le marchigiane hanno tirato i remi in barca e amministrato il risultato con Dibiase attenta a non farsi beffare dalle sporadiche incursioni delle avversarie. “Dopo il gol del loro pareggio – commenta Isa Pereira – abbiamo reagito bene, siamo salite in pressione e approfittato del campo, molto grande, per dimostrare il nostro gioco. I gol sono venuti e questi ci ha aiutate. Nel secondo tempo, dopo il sesto gol, abbiamo gestito il risultato fino alla fine. L’importante sono i tre punti e il fatto che riusciamo a migliorare partita dopo partita”.

TABELLINO

Pelletterie 1
Falconara 6

Pelletterie: Pucci, Duco, Teggi, Maione, Iaquinandi, Nicita, Perez, Kalè, Pasos, Biagiotti, D’Amato, Giovannini. All. Zudetich.

Falconara: Dibiase, Guti, Pascual, Luciani, Dal’maz, Ciferni, Nona, Pereira, Ferrara, Bernotti, Brugnoni. All. Neri.

Reti: 1’12” p.t. Dal’maz (F), 1’54” Teggi (P), 8’32” Dal’maz (F), 10’34” Nona (F), 12′ Pereira (F), 16’55” Pascual (F), 4’31” s.t. Luciani (F).

Note: ammonite Maione (P), Duco (P), Biagiotti (P), Teggi (P), Pereira (F).

Vanessa scatenata, Lazio corsara: il Città di Falconara cade al PalaBadiali

CDF vs Lazio

Falconara sciupone, Lazio in palla e spinto da una Vanessa devastante. Il derby dei rapaci, il falco delle Citizens e l’aquila delle romane, se lo aggiudicano le ragazze di Chilelli che sbancano il PalaBadiali. Colpaccio nell’hangar di via dello Stadio che non riusciva alle laziali dal 2015. La gara di ieri ha rispecchiato la tradizione degli incontro precedenti. Bella, vibrante, giocata a viso aperto e sempre in bilico. Primo tempo spumeggiante fin dalle battute iniziali. Ferrara scalda un paio di volte le mani a Tirelli ma è la Lazio la prima a passare. Al 4’ entra Vanessa che timbra subito il cartellino con un missile dalla distanza. Falchette colpite a freddo. Dopo un doppio miracolo di Dibiase su Grieco, le azzurre si scuotono e aumentano la pressione. Pato si deve destreggiare nella gabbia difensiva laziale ma alla prima occasione, servita da Nona, fa paura centrando la traversa. Un minuto più tardi è il miracolo di Tirelli a negarle la gioia del gol mentre sul successivo corner non arriva in tempo sul pallone nonostante l’ottima posizione in area. Nona e Luciani incantano il PalaBadiali attorno al 10’. La catalana con una finta ne fa fuori un paio e parte in contropiede, il capitano riceve, attira il portiere per poi restituire alla compagna ma il gol resta un grido strozzato nella gola degli spettatori per il salvataggio in scivolata di Grieco, provvidenziale per le sue. Sempre Nona in percussione si guadagna la punizione che Pato trasforma in seconda battuta dopo che la prima era stata respinta dalla barriera. Si va negli spogliatoi sull’1-1 e la parità resta immutata a lungo nella ripresa. Pato ha un paio di occasioni ma va alta nella prima e centra la sua seconda traversa di giornata nell’altra. Gol sfiorato, gol subito. Taninha tira da fuori, Dibiase (in precedenza super sulla solita magia di Vanessa) non trattiene e Grieco sottomisura ne approfitta. Le Citizens accusano il colpo. La Lazio potrebbe allungare al 15’ con Beita in area ma Dibiase e Pascual sono sulla linea. Le celesti ne approfittano però quando mister Neri inserisce il quinto di movimento. Pressing alto, zero spazi concessi. Vanessa ne approfitta e allunga a porta vuota. Subito dopo, su tiro libero concesso dopo il quinto fallo delle giocatrici di casa, realizza l’1-4. A 17 secondi dalla sirena capitan Luciani rende meno rotondo lo score finale in duetto con Pato. “Questa sconfitta di oggi – commenta mister Neri al termine – ci deve far rosicare perché anche da queste situazioni si impara. Mi aspetto subito un riscatto già dalla prossima partita a Firenze contro il Pelletterie. Soprattutto nel primo tempo ho visto un bel gioco come piace a me, con tante occasioni da gol ma non siamo riuscite a mettere la partita nei giusti canali e lo abbiamo pagato, al cospetto di una Lazio che è squadra di tutto rispetto e che, in debito di risultati, è venuta qua con il dente avvelenato. Oggi abbiamo affrontato difficoltà nuove, problematiche che dovremo superare come squadra con il lavoro e il gioco”.

TABELLINO

Città di Falconara 2
Lazio 4

Falconara: Dibiase, Pascual, Luciani, Ferrara, Dal’maz, Guti, Ciferni, Nona, Bernotti, Brugnoni. All. Neri.

Lazio: Tirelli, Barca, Beita, Vanelli, Pinheiro, D’Ambrosio, Benvenuto, Agnello, Taninha, Grieco, Vanessa, Scarcella. All. Chilelli.

Reti: 4’10” p.t. Vanessa (L), 11’31” Dal’maz (F); 12’40” s.t. Grieco (L), 16’40” e 17′ t.l. Vanessa (L), 19’43” Luciani (F).

Note: ammonite Luciani (F), Vanelli (L), Guti (F), Pinheiro (L).

Valanga Citizens a Noci, il CdF centra la seconda vittoria stagionale

Sofia Luciani gol

Seconda vittoria consecutiva per le ragazze del Città di Falconara contro il Noci della ex Rocio Sevilla. Luciani e Pato sono in giornata di grazia ma in generale è la prova corale della squadra di mister Massimiliano Neri a convincere. Unico neo, l’espulsione nel primo tempo di Isa Pereira che ora dovrà saltare la prossima gara contro la Lazio (domenica 20 al PalaBadiali). A Noci finisce 7-1 per le marchigiane che sbloccano la parità iniziale attorno al 6’. Azione di Luciani che supera Martino in uscita, la palla sta per arrivare a Pato ma Loth si frappone in scivolata e la tocca con la mano. Giallo per l’olandese e rigore che Pascual piazza alle spalle dell’estremo difensore pugliese. A quel punto inizia il Sofia Luciani show. Il capitano raddoppia al 10’ raccogliendo sul secondo palo un suggerimento millimetrico di Isa Pereira. Poi buca Martino dalla distanza con una sassata delle sue. E anche quando il Falconara si complica la vita – prima in inferiorità numerica per il rosso a Pereira dopo un intervento pericoloso su Quarta e poi sotto l’assedio del Noci con il quinto di movimento – è sempre la numero 10 delle marchigiane a fare la differenza: pallone recuperato in posizione defilata e rete del 4-0 dalla distanza a porta sguarnita. Pato, devastante ad aprire la retroguardia avversaria, sigla il 5-0 con un gran diagonale. A 20 secondi dall’intervallo Loth accorcia le distanze sul bel suggerimento di Chiesa. Nella ripresa il Noci si fa vedere un po’ di più. Dibiase, nei minuti iniziali, è costretta a uscire fino a ridosso del centrocampo per disinnescare un contropiede che poteva essere insidioso e subito dopo para il tentativo dalla distanza di Dupuy. Gigante spaventa ma angola troppo da buona posizione. Nulla di fatto e così è ancora il CdF a smuovere il risultato. Luciani, ancora lei, va in slalom sulla destra, Pato servita in mezzo deve solo appoggiare in rete. Il Noci le tenta tutte ma anche la carta del portiere di movimento (Quarta) non sortisce effetti. È anzi ancora il Falconara a passare con Ferrara: delizioso duetto con Pato e dribbling secco su Martino in uscita per la “Pupilla” delle azzurre. Battute finali con il Noci all’assalto. Dibiase chiude alla perfezione sulle conclusioni di De Marco e Gomez. Il palo dalla distanza della solita Luciani manda tutte negli spogliatoi.

TABELLINO

PuroBio Noci 1
Città di Falconara 7

PuroBio Noci: Martino, Gomez, Chiesa, Quarta, Dupuy, Saraniti, Loth, De Marco, Intini, Gigante, Sevilla, Balestra. All. Monopoli.

Falconara: Dibiase, Pascual, Luciani, Ciferni, Dal’maz, Guti, Nona, Pereira, Ferrara, Bernotti, Brugnoni. All. Neri.

Reti: 5’57” p.t. rig. Pascual (F), 10’27”, 12’49” e 17’40” Luciani (F), 19’04” Dal’maz (F), 19’40” Loth (N); 7’25” s.t. Dal’maz (F), 14’25” Ferrara (F).

Note: ammonite Ciferni (F), Loth (N), Nona (F); espulsa Pereira (F) al 15’17” del p.t.